Archive for the 'uscite discografiche' Category

Battiato e PGR,un album che graffia

“I nostri brani disidratati da Franco”

Nove dei brani più famosi dei PGR scarnificati da Franco Battiato. Ecco il progetto “unico e non ripetibile” dal titolo “ConFusione – 9 canzoni disidratate da Franco Battiato”, che esce il 1 giugno. Conclusa l’esperienza coi PGR, squilla il telefono del vocalist, nonché deus ex machina del gruppo, Giovanni Lindo Ferretti: “Battiato mi ha detto ‘mandami i tuoi pezzi è un peccato non risentirvi più’. Così li ha remixati. E’ stato un onore”.

E in effetti Battiato ha preso a cuore il destino dei PGR: “Quando ho saputo che si erano sciolti ho pensato ‘Cavolo che peccato! Li devo subito chiamare’. Così ho rintracciato il numero di telefono di casa della madre di Giovanni, lui ormai vive lì, e gli ho detto ‘dai mandami qualche canzone vostra’. Così me ne sono arrivate una quarantina da cui ho scelto i nove che si sarebbero potuto prestare al mio intervento. Mi sono totalmente immerso nel loro mondo e devo dire che la bellezza dei testi di Giovanni è impressionante. Mi ha sempre colpito del gruppo, l’autonomia dal successo”.

Dal canto suo Lindo Ferretti è rimasto stupito dall’interessamento del cantautore siciliano, suo vecchio amico: “E’ stata una bella sorpresa. Quando ho chiuso il progetto dei PGR, ero già immerso nella mia vita e concentrato solo sulla mia grande passione per i cavalli e su mia madre. Poi ho saputo che Battiato voleva remixare le nostre canzoni ed è stato un onore e anche in parte imbarazzante per me. Così ho voluto che si sentisse molto libero di far quello che voleva. Ormai non ascolto più musica, dopo 25 anni di onorata carriera, non ce la faccio. Prima pensavo che le note non dovessero mai mancare nella mia vita e mi addormentavo pure, mentre le ascoltavo. Oggi le cose sono cambiate. Sono tornato per questo album ma solo perché c’è Franco e mia mamma si è raccomandata che fossi presente per non mancare di rispetto al mio amico (ride, ndr)”.

La copertina dell’album ritrae una tigre dipinta appositamente da Battiato: “E’ uno dei mie quadri anche se ne avevo proposto un altro. Un bel cavallo, timido e piccolo, anche per far piacere a Giovanni. Ma la casa discografica me l’ha bocciata. In realtà il quadro del cavallo non ce l’ho più e mi è rimasta una foto. Penso di averlo regalato a qualcuno, faccio così quando mi fa schifo una mia opera. Poteva anche essere una bella occasione perché la persona cui l’ho donata mi richiamasse dicendo ‘E’ mio quel cavallo è mio’ (ride, ndr)”. Insomma “Un chi l’ha visto in versione artistica”, conclude tra le risate Lindo Ferretti.

Tracklist:
Cronaca Montana (da “Ultime notizie di Cronaca” – 2009); Cavalli e Cavalle (da “D’anime e d’animali” – 2004); AH! Le Monde (da “Per grazie ricevuta” – 2002); Montesole (da “Per grazie ricevuta” – 2002); Cronaca del 2009 (5769) (da “Ultime notizie di cronaca” – 2009); I Miei Nonni (da “D’anime e d’animali” – 2004); Come bambino (da “Per grazie ricevuta” – 2002); Cronaca di Guerra II (da “Ultime notizie di Cronaca” – 2009); Orfani e Vedove (da “D’anime e d’animali” – 2004).

fonte: tgcom

Esce il cd-compilation T-Rumors

100 band in gara, 2 mesi di selezioni, 5 vincitori,

Licenziata dall’etichetta Materiali Sonori, è disponibile da oggi la compilation discografica T-Rumors, contenente 10 brani dei gruppi toscani Actias Luna, Ance, Pippo & i suoi Pinguini Polari, Praticabili, Steve Sperguenzie & the Incredible Lysergic Ants: si tratta dei cinque vincitori, a pari merito, della selezione per band e musicisti toscani T-Rumors.

La classifica è stata stilata, sulla base del materiale audio inviato alla selezione, da una giuria composta discografici, produttori, musicisti e direttori artistici del festival toscani:Bruno Casini, Giampiero Bigazzi, Franco Caroni, Gianni Pini, Giordano Sangiorgi, Enrico Fink e Alessandro Finaz. Ogni giurato ha espresso autonomamente le proprie preferenze.

L’iniziativa, organizzata dall’associazione Toscana Musiche – da anni riunisce i principali festival di rock, pop e jazz – con il contributo di Regione Toscana, si è articolata per tutto il 2009 attraverso un bando pubblico a cui hanno partecipato oltre cento formazioni. E poi, un premio speciale offerto dal portale intoscana al gruppo più cliccato, una serata live dedicata ai 5 vincitori (lo scorso giugno al Parco di Villa Solaria di Sesto Fiorentino, con ospite Riccardo Tesi), una serie di concerti nell’ambito di importanti festival estivi e lunghe session per la registrazione del cd.

Le cinque formazioni sono state seguite in studio da altrettanti, autorevolissimi, tutors: Gianni Maroccolo ha lavorato a fianco della rock band Steve Sperguenzie & the Incredible Lysergic Ants, Arlo Bigazzi ha seguito il cantautore Ance, Francesco Magnelli ha prodotto i brani di Pippo & i suoi Pinguini Polari, Riccardo Tesi ha modellato il sound degli Actias Luna, mentre Stefano “Cocco” Cantini si è confrontato con i Praticabili.

Il risultato è sorprendente. La freschezza, le idee e l’audacia di cinque formazioni “di base”, filtrate attraverso l’esperienza e la professionalità di cinque big del rock, del jazz, del pop e della world-music. Insomma, non la “solita” compilation, e neanche il “solito” concorso: in un panorama musicale in continua evoluzione, T-Rumors rappresenta la perfetta istantanea della scena toscana di questi anni. Una scena quanto mai vitale, dove si intrecciano storie e produzioni di formazioni emergenti, artisti solitari e gruppi “di confine”, abituati cioè a confrontarsi con altri linguaggi, primo tra tutti quello teatrale.

CERCAVAMO IL SILENZIO…

Affondo le mani in un chiarore ossessivo da mattino appena nato, lo sguardo perso tra l’arancio e il blu che piano diventano rosa e aria, rosa pallido che nuota nell’aria freschissima, rosa accecante che si posa tra nuvole gentili. Ed eccolo, “magnifico e lucente, il sole”. Sto ascoltando “Here comes the sun” nella morbida versione dei Marlene Kuntz, e penso: siamo cresciuti, tutti. E la crescita è, spesso, cambiamento. Cambiamento al margine o sottile distorsione, oppure un taglio netto, un fulmine nervoso o ancora il lento scorrere degli anni che ci accarezza coi suoi ritocchi impercettibili creando nuove forme dentro e fuori. Siamo cresciuti tutti, raccogliendo con cura ricordi e fotogrammi, anche dei Marlene. Inutile soffermarsi sull’esplosione noise di “Catartica” o la brama violenta de “Il vile”, sono nel panorama, ben visibili e incastonati in quegli anni novanta di fermento musicale non indifferente. Almeno, non per me.

Inutile sottolineare poi l’evoluzione intimista, l’avvicinarsi sempre più alle sonorità dei C.S.I., che subito li amarono rubando “Lieve”, la collaborazione intensa con Gianni Maroccolo (presente anche in questo nuovo lavoro come produttore artistico), l’intelletto e la letteratura senza grossi rumori di fondo, la consapevolezza di sé e la profondità mai sondata dell’animo umano che si abbracciano a occhi chiusi, in una continua riflessione, in una ricerca inesauribile di spessore e succo, del nocciolo, della particella più piccola di cui tutto si compone. Conta piuttosto chiedersi quale sarà il prossimo passo, quali sfumature avrà la loro strada oggi, e oggi, ora, a vent’anni dall’esordio sulle scene, nasce “Cercavamo il silenzio…”, un regalo, una promessa, un sottofondo di sensazioni nuove, un cd dal vivo (ma ancora di più un dvd) che offre spunti leggeri di amore e di luce, luci blu e rosse e bianche che incorniciano musicisti valenti, comunicatori attenti, artisti.

Godano spiega così la scelta di suonare in teatro: “Tanto è lecita la distrazione secondo il rituale rock quanto è lecito il desiderio di suonare in un luogo che ne sia privo”, cercare il silenzio per riempirlo di materia, per dargli peso e renderlo inebriante e sostenuto, per immergersi in un ambiente che dal buio produce caleidoscopi da brivido. L’interpretazione di ogni brano è canto, recita, introspezione e intersezione, lo splendore delle parole risuona intenso, sopra un tappeto di orchestra soffiata nel vetro, in un crescendo corale tra il sussurro spezzato di “Danza” e la gioiosa vita in blu di “Canzone sensuale”, fino al boato esistenziale di “Sonica”, il pugno, la scossa, la commozione che si sciolgono in quindici minuti di parata psichedelica che conduce a “Il vortice”, dove l’intensità consuma, e l’intenzione attraversa il mezzo.

Registrato al Teatro Sannazzaro di Napoli il 3 febbraio 2009 durante il tour “Uno: live in love”, “Cercavamo il silenzio…” è un gioiello, una prova, riuscitissima, di confrontarsi col silenzio per colorare l’assenza e appropriarsi completamente di uno spazio, e in quello spazio, del tempo. I Marlene Kuntz sono, oggi più che mai, vivi.

fonte: rockit

ARTISTI UNITI PER L’ABRUZZO

Anche Marok ha dato il suo contributo a questo progetto sociale a sostegno dei terremotati dell’Abruzzo.
Trovate tutte le informazioni sul sito ufficiale di “DOMANI 21/04.09” a questo indirizzo: www.domani21aprile2009.it

DOMANI 21/04.09

ULTIME NOTIZIE DI CRONACA: TRACKLIST!

ultime

Ci siamo, il prossimo album in studio del trio Maroccolo-Canali-Ferretti vedrà la luce il prossimo 17 aprile.
Per l’occasione è prevista una presentazione ufficiale presso la Feltrinelli di Milano (P.zza Piemonte) alle ore 18.30.
L’incontro sarà moderato da Pietro Negri Scaglione.

Questa la tracklist dell’album:
1. Cronaca montana  
2. Cronaca di guerra 2009  
3. Cronaca di guerra 1  
4. Cronaca di ritorno  
5. Cronaca di inverno  
6. Cronaca di guerra 2  
7. Cronaca filiale  
8. Cronaca settimanale  
9. Cronaca Divina Te Deum

Tutta colpa di Giuda

Ala Bianca Records presenta “Tutta colpa di Giuda” album/colonna sonora del nuovo film di Davide Ferrario (dal 7 aprile anche in download su iTunes). Un CD a cura di Gianni Maroccolo con musiche edite ed inedite di: Marlene KuntzCecco SignaFabio Barovero dei Mau Mau,Gianni MaroccoloKaas, e altri…

giuda 

TRACKLIST:
1 – La galera è come una recita a teatro
2 – Playboys Latini
3 – Una Passione di Cristo…
4 – Tema di Irena 1
5 – Sciamanica
6 – Uno
7 – L’inganno
8 – Corda(e altro) nella quarta aria
9 – All’alba di un giorno perfetto
10 – Tutta colpa di Giuda
11 – Canzone in prigione
12 – E’ questa la regista?
13 – Dance Slow
14 – Canto
15 – O’ tappeto
16 – A fior di pelle
17 – Staccato
18 – Chi vuol fare Giuda?
19 – La Libertà
20 – Un morto ci vuole sempre
21 – Tema di Irena 2
22 – All’alba di un giorno perfetto
23 – Sa nuotare, Mirkovic?
24 – Playboys Latini
25 – Passione
26 – La ballata dell’ignavo
27 – Canzone in prigione 

Per info: www.alabianca.it


Link

Focus

Domani 21/04.09

banner domani

PGR

banner pgr

Calendario

luglio: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

In Archivio