Recensione

Gianni Maroccolo – “A.C.A.U. la nostra meraviglia”

Fabrizio Roych

Un esercito prestigioso di colleghi per Gianni Maroccolo: Pelù, Battiato, Raiz, Manuel Agnelli, Carmen Consoli, la Donà, Godano (Marlene Kuntz), Renga, Jovanotti, Fiamma, Chimenti, Fiumani, il collega Giolindo Ferretti e l’ex collega Ginevra di Marco.

Anni di militanza, di militanza guerresca, vera, mettendoci la faccia con tutto il cranio e il collo, e del primo album solista non si capisce nemmeno il titolo. Gianni Maroccolo, bassista (primi Litfiba, Cccp, Csi e Pgr) e scopritore di musica (Marlene Kuntz, Chimenti), non vuole svelare il significato di “A.C.A.U. la nostra meraviglia”. Si sa che l’album parla di mare, nella volontà musicale e nei testi delle canzoni, preparate e interpretate dagli amici di Maroccolo. Un esercito prestigioso, che val la pena snocciolare per intero: Pelù, Battiato, Raiz, Manuel Agnelli, Carmen Consoli, la Donà, Godano (Marlene Kuntz), Renga, Jovanotti, Fiamma, Chimenti, Fiumani, il collega Giolindo Ferretti e l’ex collega Ginevra di Marco. Questi nomi, uno per uno, danno lo spessore del progetto che – miracolo – non frana. Senza essere l’album definitivo, è un buon album, articolato, a tratti difficile, e in qualche modo ordinato.

Una parata di solisti cui Maroccolo succhia l’essenza, ma non ne approfitta. Qui da noi, in Italia, si usa così: produzioni perfette, audio e strumentali lucidate con cera d’api. Sarebbe bello dire che in concerto sarà diverso, ma un concerto non ci sarà mai. Anche se un “Maroccolo and friends” sarebbe un sogno rock di casa nostra. Tornando all’album, è una festa allestita dal padrone di casa in suo stesso onore, ma va trattata come un’antologia. Il tema è il mare, e gli interpreti migliori sono Jovanotti con “Da raccontarti all’alba” e Manuel Agnelli con “End coming over action bird”. Agnelli straordinario, alleggerito dal tocco di Maroccolo, e Jovanotti chiaro e pulito, oliato alla perfezione dal maestro. Carmen Consoli e Cristina Donà, con “Carezza d’autunno” e “Meloria’s ballade”, onorano la loro fama, prima della parte più ostica della raccolta. Chimenti, Fiumani e Ferretti servono piatti grevi, di sperimentazione e intelletto, in un album dalle forme mutevoli ma sempre appropriate. Troppo appropriate, troppo calcolate. E se Agnelli e Jovanotti spiccano, tutti gli altri sono se stessi e basta. Al meglio, ma come ci si aspettava. Un’obiezione per incontentabili, visto il tonnellaggio dell’opera, ma un alternativa c’era.

“Sorella sconfitta” dell’altro ex Cccp Zamboni è l’alternativa. Pochi ospiti, guidati dalla chitarra, a fare del loro ma sotto lo scudiscio (amabile) del padrone di casa. Una sola regia, un solo indirizzo invece di una quantità di fermate intermedie in altrettante zone differenti. Dal confronto fra i due, Maroccolo ne esce come un sommelier sopraffino, e un vinificatore provetto, ma non un enologo. Non un costruttore. Quel ruolo se lo conserva per i suoi gruppi, che indirizza con decisione e se serve cavalca a pelo, senza tante briglie. Invece in “A.C.A.U.” presta pareti, tavoli, stoviglie, cibo e consigli, ma a cucinare ci pensano gli altri. Il pasto è sopraffino, il servizio è perfetto, il risultato finale prezioso. Freddino, però, proprio freddino.

tratto da http://www.videomusica.it

Annunci

0 Responses to “Recensione”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Link

Focus

Domani 21/04.09

banner domani

PGR

banner pgr

Calendario

giugno: 2004
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

In Archivio


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: